Iceland in my mind

Non so quando, come e se mai davvero la visiteremo, ma questo non toglie il fatto che l’Islanda rimanga una delle mete più ambite per un nostro futuro viaggio.

In quel famoso cassetto dei desideri c’è sempre uno spazio riservato alla terra dei ghiacci, e periodicamente mi ritrovo a rileggere, mofificare aggiornare quell’itinerario appena abbozzato che di volta in volta si arricchisce di qualche nuovo angolo da vedere ed esplorare.

Se mi chiedessero come sarebbe il mio tour dell’islanda, io risponderei così.

Oltre alla capitale Reykjavik tante sono le attrazioni naturali che regala questo paese e che farebbero parte del nostro ipotetico viaggio.

Blue Lagoon

Si tratta di un’area geotermale con una piscina termale che rappresenta una delle attrazioni turistiche più visitate dell’Islanda.

Ph. discover.is

Geyser e Strokkur

E’ un geyser situato nella valle di Haukadalur e ritenuto il più antico conosciuto. In questa zona sono sono due i geyser più conosciuti e visitati. l’originale Geysir che un tempo eruttava getti d’acqua alti fino a 80 metri e il più piccolo ma più regolare Strokkur con eruzzioni regolari ogni 4-8 minuti.

Ph. guidetoiceland.is

Gullfoss

Nel pieno del Circolo d’Oro islandese a poca distanza da Geyser, c’è l’imponente e famosissima cascata di Gullfoss. Viene generata dal fiume Hvita che scorrendo verso l’oceano genera due salti: uno di 11 metri e uno di 21 metri di altezza, per poi buttarsi in una gola stretta e profonda, la portata d’acqua varia da circa 80 a 140 metri cubi al secondo.

Ph. guidetoiceland.is

Seljalandsfoss

E’ uno dei simboli dell’Islanda, una cascata di circa 60 metri visibile già dalla strada. La particolarità è la possibilità di ammirarla a 360° attraverso un percorso che tra passerelle di legno e gradini di pietra permette al visitatore di girarci intorno ed osservarla da diverse prospettive.

Ph. goodtrekking.it

Seljavallalaug

Si tratta di una piscina termale che non si trova lungo i sentieri turistici, ma immersa nel nulla più totale e raggiungibile dopo una cammina di circa 15 minuti. La piscina è la più antica dell’Islanda e raccoglie l’acqua bollente dall’Eyjafjallajökull già dal 1923.

Ph. urbanghostsmedia.com

Skógafoss

E’ una delle famose cascate islandesi, originata dal fiume Skógaá, proveniente dal ghiacciaio Eyjafjallajökull ed alta ben 62 metri. Una volta l’acqua riversata dalla cascata finiva direttamente in mare, che oggi invece dista decine di chilometri da essa.

Ph. adventures.is

Reynisfjara

Questa isola è ricca di luoghi particolari e sicuramente la spiaggia di Reynisfjara è uno di questi. Formazioni rocciose che emergono dal mare, distese di ciottoli scuri, una spiaggia completamente nera a causa della cenere e dei detriti di origine vulcanica e blocchi di colonne di basalto che si ergono sulla riva, sono sicuramente tra le caratteristiche principali di questa zona.

Ph. adventures.is

Svartifoss

Proseguendo lungo la Ring Road incontriamo il Parco nazionale Skaftafell. Al suo interno si può ammirare un’altra famosa cascata che ha come caratteristica particolare la presenza di colonne di basalto dalla forma esagonale di provenienza vulcanica. Per raggiungere la cascate è necessaria una camminata di almeno tre quarti d’ora, ma sicuramente credo ne valga la pena.

Ph. funiceland.is

Jökulsárlón

Tra i luoghi più affascinanti dell’Islanda, non possiamo non inserire la laguna glaciale di Jökulsárlón. Moltissimi iceberg galleggiano in questa laguna creata dallo scioglimento dei ghiacci del Vatnajökull creando un paesaggio surreale.

Ph. adventures.is

Dettifoss

La Dettifoss è una delle cascate più imponenti d’Islanda e non solo, alta 45 metri, con un fronte di ben 100 metri, la cascata ha una portata d’acqua impressionante di 180-200 metricubi al secondo. Si può ammirare da entrambi i lati del canyon, e credo non si possa non inserirla in un tour dell’isola. a soli 15 minuti a piedi dalla cascata di Dettifoss, si può annirarne una seconda altrettanto importante, quella di Selfoss.

Ph. guidetoiceland.is

Lago di Mývatn

Nel nord del paese c’è un’altra zona che ha attirato la mia attenzione e quindi che ho voluto inserire in questo tour, si tratta della zona del lago Mývatn, una zona vulcanica che secondo molti è assolutamente da esplorare tra crateri, pozze di fango ribollente e terme naturali. Si tratta di un area abbastanza vasta e forse dedicare un solo giorno per esplorarla non basterebbe.

Ph. guidetoiceland.is

Húsavík

Sempre nel nord dell’isola c’è la cittadina di Húsavík punto di partenza per whale watching, le escursioni in barca per vedere le balene.

Ph. northsailing.is

Hveravellir

Visto che sognare non costa nulla inseriamo nel nostro ipotetico tour anche Hveravellir, l’affascinante area geotermale molto frequentata, con fumarole e sorgenti calde che si trova a circa 60 km a nord di Gullfoss

Ph. volcanic-springs.com

Che dire, se non che stiamo parlando di una terra meravigliosa, tutta da esplorare e da vivere a stretto contatto con la natura. Se tra di voi c’è qualcuno che avendo già visitato l’Islanda saprà sicuramente dare utili consigli su quale altre mete aggiungere a questa lista, magari luoghi anche lontani dai classici percorsi turistici, ma sicuramente degni di essere esplorati ed immortalati in uno scatto fotografico.

Vi lascio con questo video del sito Artic Adventures che meglio di altre parole saprà raccontarvi questa terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *