Tre giorni a Berlino


Sequenza 01.Immagine076

Un’altra bandierina da mettere sulla mappa dell’Europa a segnalare la visita di una nuova capitale europea che ancora mancava all’appello. Regalo di compleanno graditissimo quello che ci ha permesso di volare a Berlino per una tre giorni nella capitale tedesca. Partenza da Orio al Serio alle ore 8:50 con volo Ryanair ed arrivo all’hotel Leonardo Berlin Mitte verso mezzogiorno. Giusto il tempo di lasciare i bagagli in camera ed eccoci già in pista alla scoperta di Berlino. Vista l’ora raggiungiamo la porta di Brandeburgo, a pochi passi dall’hotel e ci fermiamo per un fugace pasto presso un chiosco presente proprio davanti alla famosa porta. Un classico panino con wurstel giusto per entrare nel clima, accompagnato dall’immancabile birra.

Sequenza 01.Immagine002

Con qualcosa nello stomaco possiamo così iniziare il tour. Inizio come detto dalla porta di Brandeburgo con tutto quello che questo luogo a rappresentato nel novembre del 1989.

Sequenza 01.Immagine008

Poco distante c’è un altro luogo che fa pensare, è il memoriale all’olocausto una vasta area dove l’architetto Peter Esenman insieme all’ingeniere Buro Happold ha fatto collocare 2711 stele per commemorare le vittime della Shoah. Sotto l’area c’è la possibilità di visitare il Centro Informazione dove una raccolta di documentazione riguardante persone e famiglie vittime dell’olocausto, con testimonianze autentiche, permettono di comprendere meglio la vastità del genocidio.

Cartina alla mano abbiamo continuato il nostro tour dirigendoci  verso il bunker di Hitler anche se del bunker non rimane più nulla dal lontano ’45. Oggi sul luogo dove sorgeva il rifugio c’è un semplicissimo parcheggio ed una targa che descrive quello che sarebbe dovuto essere.  Tappa successiva uno dei luoghi simbolo della divisione della città ovvero, Checkpoint Charlie. Il posto di frontiera più antico e famoso di Berlino, situato tra il settore sovietico e quello statunitense, oggi è solo un luogo dove scattarsi un selfie o fare una foto con tanto di finti soldati rigorosamente in divisa dell’epoca. Fortunatamente ci sono le foto di allora e le testimonianze di chi quel periodo lo ha vissuto, a trasferire ai nostri giorni il significato di quel luogo e il clima che si respirava al di là del posto di blocco.

Sequenza 01.Immagine013

A breve distanza dal checkpoint è possibile visitare la topografia del terrore, uno spazio espositivo dove tra schede, reperti e video è possibile ripercorre le varie fasi della storia tedesca. All’esterno è ancora visibile un centinaio di metri del famoso muro che per decenni ha diviso la città di Berlino.

Sequenza 01.Immagine015

Il passo successivo ci porta dalla storia di ieri a qualcosa di più contemporaneo.

Parliamo di uno dei simboli del rinnovamento della città dopo l’unificazione. Potsdamer Platz è il più sorprendente esempio di questo rinnovamento e la sua visione in versione by night ha sicuramente un fascino particolare.

Sequenza 01.Immagine016

C’è ancora il tempo per una foto notturna della porta di Brandeburgo e poi cena rigorosamente in stile tedesco presso Ständige Vertretung. Un locale vicino al nostro hotel e che vi consiglio vivamente per la location e la qualità del cibo.

La seconda giornata è ancora all’insegna del sole. Si inizia passeggiando per le vie del centro semideserte in direzione Gendarmenmarkt, considerata una delle più belle piazze di Berlino e sulla quale si affacciano due chiese gemelle oltre al Konzerthaus. Bella, armoniosa e meritevole di una visita ed una foto ricordo.

Sequenza 01.Immagine026

Proseguendo nell’itinarario prefissato raggiungiamo il Duomo di berlino. È il luogo di culto più importante della città, una cattedrale protestante ricca di arte e di storia poco distante da Alexanderplatz e dall’isola dei musei. Tra gli elementi da ammirare all’interno della chiesa ci sono l’altare maggiore, la fonte battesimale, la scalinata imperiale e il famoso organo a 7000 canne. Se poi volete avere un’idea della città dall’alto potete raggiungere la sommità del duomo salendo i circa 270 scalini ed ammirare Berlino da 114 metri di altezza.

Sequenza 01.Immagine030

Per la tappa successiva abbiamo scelto di utilizzare i mezzi pubblici per raggiungere la più lunga galleria d’arte all’aperto al mondo. Ci riferiamo ovviamente al East Side Gallery, oltre 1 km di muro che ospita oltre cento dipinti realizzati da artisti provenienti da ogni parte del mondo, assolutamente da non perdere.

Sequenza 01.Immagine044

Da sud torniamo verso nord della città per visitare ancora un luogo dove si percepisce quello che è stata la divisione della città. Raggiungiamo infatti Bernauer Straße che con la costruzione del muro nel 1961 divenne uno dei luoghi più emblematici della suddivisione ed oggi è uno dei luoghi della memoria più visitati di Berlino.

Sequenza 01.Immagine053

Questa strada divenne famosa durante la Guerra Fredda, perchè quì furono costruite numerose gallerie per consentire la fuga dei tedeschi dell‘est verso l‘occidente.

Non si può visitare Berlino senza essere stati in Alexanderplatz.

Questa è sicuramente una delle piazze più famose della città. Il nome le venne dato dopo la visita dello zar Alessandro I nel 1805 ma é grazie alla costruzione della ferrovia che divenne un vero e proprio snodo ferroviario famoso in tutt’Europa. Tra le attrazioni, la torre della televisione e l’ Orologio del Tempo del mondo.

Sequenza 01.Immagine061

Prima di chiudere la giornata decidiamo per una vista al DDR Museum, personalmente evitabile, niente di particolare o che giustifichi la spesa.

Il terzo e ultimo giorno inizia sotto la pioggia. Colazione in centro, una foto alla nuova sinagoga e poi raggiungiamo il palazzo del parlamento, il Reichstag.

Sequenza 01.Immagine063

Fortunatamente la pioggia cessa, tanto da permetterci di vedere il palazzo almeno dall’esterno. Purtroppo non ci è stato possibile entrare, in quanto la visita andava prenotata precedentemente, compresa quella alla famosa cupola di vetro. Un peccato davvero ma del resto non si è potuto fare altrimenti.

Sequenza 01.Immagine068

Lasciato il Reichstag, abbiamo ripreso la metropolitana per poter raggiungere l’ultimo luogo da visitare in programma per questa tre giorni a Berlino. Ci siamo immersi di nuovo nel clima della guerra fredda, decidendo di visitare il museo della Stasi che si trova nel palazzo del mistero della sicurezza di stato dell’allora DDR. Nei tre piani adibiti all’esposizione, si ha la possibilità di percepire il clima che si viveva a Berlino Est in quegli anni, attraverso le schede presenti le testimonianze, gli oggetti e gli ambienti rimasti intatti dallo scioglimento del ministero. Peccato non ci sia una guida in italiano che sicuramente avrebbe potuto trasferire meglio alcuni contenuti.

Sequenza 01.Immagine070

Finisce qui la nostra vacanza berlinese, ancora un pasto in un locale tipico, questa volta al Berliner Republik anch’esso a pochi passi dall’hotel come il precedente locale, e poi valigia e trasferimento in aeroporto per il rientro in Italia.

Sequenza 01.Immagine079

Alcune info:

Raggiungere il centro dall’areoporto è molto semplice, c’è il treno che con 4 fermate vi porta in Friedrichstraße che per noi significava 500 metri dall’hotel. Il costo del biglietto è di euro 3,40 (validità 120 minuti). C’è la possibilità di acquisto di biglietti giornalieri (7,70) o di più giorni. All’areoporto di Orio al Serio c’era la possibilità di acquistare il biglietto di 72 ore che avrebbe permesso l’utilizzo di tutti i mezzi pubblici e scontistica per ingressi in alcuni musei.

Nel nostro caso abbiamo utilizzato i mezzi solo per il trasferimento dall’ereoporto (3,40) per raggiungere Est Side Gallery e successivamente Bernauer Straße (3,40), mentre nell’ultimo giorno abbiamo deciso per il giornaliero (7,70) dovendo andare al museo della Stasi prima e l’areoporto nel pomeriggio.

Per mangiare direi che c’è l’imbarazzo della scelta, a mezzogiorno uno spuntino veloce in uno dei tanti locali del centro mentre la sera avendoli a due passi dall’albergo, ci siamo affidati ai due locali sopra descritti Ständige Vertretung e berliner-republik

Visite:

Holocaust mahnmal – Centro informazioni (0,00) possibilita di audioguida in italiano (4,00)
Berlin Dom – (7,00)
DDR Museum (9,00)
Stasi Museum (6,00)