A volte si cambia

Sono passati 6 anni dal primo viaggio in caravan, 6 anni nei quali abbiamo percorso migliaia di chilometri in Italia ed in Europa. Viaggi che hanno lasciato ricordi che resteranno dentro di noi per lungo tempo.

Come dimenticare la prima avventura a 6 ruote nella splendida Sicilia con la piccola Caravellair Antares 376, un viaggio che ci ha fatto innamorare della roulotte come veicolo ricreazionale. Anno dopo anno si sono susseguiti altri viaggi in Bretagna e Normandia, in Andalusia, in Portogallo e in Cornovaglia, giusto per ricordare quelli delle vacanze estive. Insomma un bagaglio di ricordi legati al nostro modo di fare vacanza, quello Plein Air.

Dopo sei anni è però giunto il momento di cambiare, un cambiamento che molti di voi non condivideranno, ma che siamo sicuri non cambierà il nostro spirito ma anzi ci regalerà ancora maggiori occasioni per scoprire e visitare nuove mete.

Dalla prossima primavera, sarà infatti un camper ad accompagnarci nei nostri viaggi. Si tratta di un van, un furgonato, un camper puro, chiamatelo come più vi piace.

Secondo le nostre abitudini abbiamo scelto la compattezza e l’agilità, un veicolo in grado di sostituire quell’auto che, sganciata la roulotte in campeggio, ci ha sempre permesso di essere liberi nei movimenti, un veicolo capace di gestire ogni situazione, un veicolo poco più grande di una monovolume ma ideale per viverci e viaggiare in coppia.

Già in coppia, anche perchè le situazioni cambiano, i figli crescono e quindi piano piano si ritorna a condividere le esperienze di viaggio in due, come una volta, sperando sempre, che per qualche meta, si possa  aggiungere qualche altro “viaggiatore” di famiglia.

Eccolo il nostro nuovo compagno di viaggio, 540 cm di casa su ruote con il quale tornare a viaggiare verso nuove destinazioni o riscoprire itinerari già fatti in passato. So bene che molti di voi abituati a leggere i nostri diari di viaggio con roulotte al seguito, storceranno un pò il naso leggendo di questa nostra scelta, ma vi possiamo garantire che lo spirito non cambierà affatto, lo stesso spirito che ci ha guidato in questi anni lungo le strade d’Europa e che vi abbiamo documentato e condiviso.

Abbiamo sempre difeso la caravan da chi sosteneva non fosse adatta a vacanze itineranti, abbiamo sempre sottolineato i suoi pregi ritenendolo un veicolo ricreazionale versatile e adatto ad ogni situazione, e continueremo a farlo nonostante la decisione di passare ad un motorizzato.

Non rinnegheremo mai il passato in caravan ma nello stesso tempo contiamo di vivere le stesse positive esperienze anche con il nostro nuovo veicolo e sicuramente continueremo a raccontarvi i nostri viaggi.

09-ktg-weinsberg-2018-2019-caratour-interieur-durchschuss-9764-HR-rz
08-ktg-weinsberg-2018-2019-caratour-interieur-kueche-9739-HR-rz
04-ktg-weinsberg-2018-2019-caratour-exterieur-bett-heck-9789-HR-rz06-ktg-weinsberg-2018-2019-caratour-interieur-bad-9769-HR-rz

Non ci resta dunque che salire a bordo ed iniziare a far scorrere chilometri e chilometri di strada sotto le ruote magari ricominciando da dove, per cause di forza maggiore, ci eravamo fermati, overo il grande nord.

[Ph. weinsberg.com]

2 thoughts on “A volte si cambia

  1. Hai fatto la scelta giusta, anch’io la penso come te. Quando si è in due e si ha voglia di viaggiare il furgonato è il mezzo ideale.

    1. Grazie non vedo l’ora che arrivi così da provare il mezzo. Come ho scritto, spero di vivere le stesse positive esperienze fatte con la caravan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *